Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.
../../img/2.pagam.jpg

Filosofia moderna

La terza grande epoca della storia della filosofia in realtà ha come denominatore comune non tanto l'antropocentrismo, quanto il valore della soggettività: il nemico non è tanto il Cristianesimo (lo è solo per una parte della filosofia moderna), quanto l'oggettivismo scolastico, maldestramente sposato da buona parte dei vertici della Chiesa cattolica.

Se in comune tutta la modernità ha una stima per il soggetto, tale stima trova due possibili strade: una che si ricongiunge alla tradizione cristiana (e in particolare ad Agostino), la via di un umanesimo teocentrico, la via di Pico della Mirandola, di Marsilio Ficino, di Erasmo, di Tommaso Moro, di Niccolò Cusanodel Beato Angelico, di Michelangelo, di Pascal;

l'altra si allontana da tale tradizione, rompe col Medioevo, e si procede verso un antropocentrismo sempre più spinto: è la via di Pomponazzi, di Lorenzo Valla, di Montaigne, di Spinoza, di Hume, di Voltaire, di Rousseau (e a livello artistico, probabilmente, di Masaccio, di Raffaello).

A metà strada, trasversalmente divisi tra l'una e l'altra anima della modernità, pensatori come Campanella, Cartesio, Locke, Leibniz e Kant. Questi pensatori in effetti sono da un lato in larga complici e succubi della deriva razionalista e immanentista della corrente antropocentrica: per loro la ragione del soggetto è criterio e filtro, e non apertura all'oggettivo; e tuttavia tutti si sforzano di lasciare comunque aperto almeno un pertugio verso la trascendenza di Dio.

Importante poi è, all'inizio dell'epoca moderna, la rivoluzione scientifica, e gli sforzi di Bacone e soprattutto di Galileo di riflettere sul metodo della scienza.

solidarietà ai cristiani perseguitati

Asia Bibi, una donna pakistana, rischia la condanna a morte per non essersi convertita all'Islam:
informazioni su Asia News.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: f Blogger You Tube t

sostienici



Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

Gruppo Cultura nuova:
cultura nuova - cultura cristiana - filosofico.org - cara Belta' - eTexts - mydigitalia - mondo oggi

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.