Erasmo

vita (1466/1536)

libri

opere principali di Erasmo

titolo originale titolo tradotto anno
Adagiorum collectaneaRaccolta di proverbi1500 (/36)
Enchiridion militis christianiLa formazione cristiana dell'uomo1502
Encomium moriaeElogio della pazzia1511
De ratione studii L'ordine dello studio1511
Institutio principis christianiL'educazione del principe cristiano1516
Novum Instrumentum[edizione critica del testo greco del Nuovo Testamento]1516
Querela pacisIl lamento della pace1517
ColloquiaColloqui1518
Diatriba de libero arbitrioDisputa sul libero arbitrio1524
De contemptu mundiIl disprezzo del mondo[giovanile]

intento di fondo

Erasmo propugnò un ritorno al Cristianesimo delle origini, grazie a un superamento della teologia aridamente scolastica e una riscoperta della Scrittura e dei Padri della Chiesa come pure grazie a un superamento del fasto e della corruzione della Chiesa del suo tempo per recuperare la semplicità delle prime comunità cristiane. Questo è ciò che egli chiamava philosophia Christi.

Tuttavia egli non approvò la ribellione alla Chiesa operata da Lutero (con cui polemizzò sulla questione del libero arbitrio) e dai protestanti, cercando il più possibile la pace religiosa tra cattolici e protestanti (in questo senso non approvò neanche la condanna di Lutero da parte della Chiesa cattolica).

note rapide sull'Elogio della Follia

Nell'Elogio della pazzia

/ infra-razionale ("che giace sotto lo spirito": "il vitale, il passionale, irrazionale dell'amore e dell'amicizia", p. 152)
in nome della pazzia  
\ sopra-razionale ("il senza-perché, il senza ragione, ciò che è collegato al gioco e alla grazia", p.152)

Notiamo tra l'altro che per lui la personificazione della (saggia) follia fu il suo amico Thomas More (sul cui cognome egli scherzava: "moro" da "morìa", che in greco significa pazzia), prima che la drammatica fine di Moro confermasse tale paradossale identificazione tra saggezza e follia, saggia fedeltà alla vera Chiesa che però lo portò a ribellarsi, in qualche modo follemente, al Re.

note rapide sul De querela pacis

Difese un ideale di pace (Querela pacis, 1517) e stigmatizzò la guerra come tragedia.
La pace è possibile (contro un fatalismo della guerra), ed Erasmo rivolse appelli a sovrani e prelati, a teologi e a semplici credenti, perché si adoperassero con ogni mezzo per scongiurare la guerra; occorre a tal fine rimuoverne le cause, che Erasmo individua in passioni, invidie, risentimenti, avidità.

angelo con la falce per un giudizio

😃 Giusta la riscoperta della Scrittura, trascurata dalla Scolastica... 😧 ...letta peraltro con una certa indulgenza all'eleganza erudita, incline all'estetizzazione
😃 Giusto l'anelito alla pace... 😧 ... pur stando "dalla parte giusta" (contro Lutero, con la Chiesa cattolica), Erasmo smorzò il suo giudizio in una ovattata volontà di mediazione, senza il nerbo necessario.

citiamo da von Balthasar: peccato solo che alla fine Erasmo commetta “la follia di evadere dalla follia” (..) con un volo platonico nel puro spirituale (in Gloria 5p.155)

librotesti

Per visualizzare questo contenuto devi accettare la nostra cookie policy.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: Facebook Blogger Youtube Twitter

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

1 / 2monastero
compra birra o liquori al
monastero della
Cascinazza

2 / 2
aiuta AVSI
AVSI
AVSI aiuta chi è in difficoltà
in tutto il mondo