Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.
../..//img/1.3.giovanna.d.arco.jpg

la guerra dei cent'anni (1337/1453)

La guerra dei Cent'anni, alla fine del Medioevo, vede consumarsi la separazione definitiva tra i regni di Inghilterra e di Francia, che fino allora avevano vissuto per così dire intrecciati.

la Francia nel 1360, dopo la pace di Bretigny

cause

I motivi sono essenzialmente i seguenti

la scintilla prossima

Nel 1337 Edoardo III rivendicò la corona francese, come legittimo discendente, per parte materna, di Carlo IV (morto senza eredi nel 1328), accusando il re di Francia Filippo VI di essere un usurpatore.

fasi

1. prima fase

1.a vittore inglesi ('39-'60)

Gli inglesi, sbarcati nel 1339, sbaragliano i francesi, pur molto più numerosi, grazie alla loro addestrata ed efficiente fanteria (arcieri). I francesi avevano una concezione ancora aristocratico-cavalleresca della guerra, affidata a una impetuosa, ma ingenua, cavalleria feudale.

Con la pace di Bretigny, 1360, la Francia deve cedere enormi territori nel Sud-Ovest, oltre Calais, e il Re, catturato prigioniero, dovrà pagare un salato riscatto.

1.b un primo riscatto francese

Il nuovo Re, Carlo V (1364/80) affidò all'abile Bertrand de Guesclin il compito di riorganizzare l'esercito francese, e questi adottò, con efficacia la tattica delle imboscate e della terra bruciata, mettendo in grave difficoltà gli inglesi: nel 1380 erano ormai ridotti a poche piazzeforti sul mare (Bordeaux, Brest,Cherbourg, Calais)

Giovanna d'Arco incita all'attacco

2. seconda fase

Le cose riprecipitano per la Francia col nuovo, inetto, Re Carlo VI, sotto cui si avvia una guerra civile tra borgognoni (seguaci di Filippo l'Ardito) e armagnacchi (seguaci di Luigi di Orléans).

Gli inglesi ne approfittano, con Enrico V, che sbaraglia i francesi ad Azincourt, 1415, imponendo (trattato di Troyes, 1420) che il successore di Carlo VI non sia il figlio suo (Carlo VII), ma il Re inglese. E nel 1422 Enrico VI di Inghilterra assume la corona di Francia.

Giovanna d'Arco

Giovanna d'Arco era un fenomeno eccezionale: in quanto donna, e povera, e giovane, non avrebbe dovuto aver parte alla guerra, e men che meno alla sua conduzione, come invece accadde; ella sosteneva di aver ricevuto delle rivelazioni soprannaturali, che la incitavano a prendere l'iniziativa per la liberazione della Francia. Cadde alla fine in mano agli inglesi, che ne pretesero la condanna, da parte dell'inquisizione, al rogo (1431).

Fu Giovanna d'Arco (1412-31) a riavviare la riscossa, stavolta definitiva, della Francia. Giovanna in effetti ebbe una importanza decisiva nella liberazione di Orléans (1429), a cui seguì a brevissimo l'incoronazione a Re di Francia di Carlo VII a Reims.

I francesi furono galvanizzati dal travolgente zelo di Giovanna e ripresero vittoriosamente l'iniziativa contro gli inglesi, riorganizzando l'esercito, che si dotò di arcieri, come quello inglese e potenziò l'artiglieria. Fino alla completa vittoria, nel 1453, allorché il re d'Inghilterra ritirò le sue truppe dal suolo francese: gli inglesi erano cacciati definitivamente dalla Francia.




solidarietà ai cristiani perseguitati

Asia Bibi, una donna pakistana, rischia la condanna a morte per non essersi convertita all'Islam:
informazioni su Asia News.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: f Blogger You Tube t

sostienici



Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

Gruppo Cultura nuova:
cultura nuova - cultura cristiana - filosofico.org - cara Belta' - eTexts - mydigitalia - mondo oggi

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.