../../img/3.nazismo.jpg

il nazismo

angelo con la falce per un giudizio

Il nazismo è visto da molti come la massima espressione, storicamente mai datasi, del male, di un “male assoluto”.

Non c'è dubbio che le camere a gas siano state uno dei momenti più tragici della storia umana. Perché se è vero che il comunismo ha, dal punto di vista quantitativo, un netto primato di vittime rispetto al nazismo (tra i 90 e i 220 milioni di persone ammazzate contro i 6 milioni di ebrei ammazzati nei lager nazisti, a cui vanno aggiunte anche altre vittime, dirette o indirette, del regime, in numero comunque inferiore), è anche vero che da un punto di vista qualitativo la valutazione deve essere di segno opposto. Il nazismo infatti eliminava persone la cui unica colpa era quella di essere nate in un certo modo (di sangue ebreo, o zingaro, o handicappati), mentre il comunismo uccideva persone che in qualche modo sceglievano di opporsi al regime. E, dal punto di vista della motivazione, è minore il male di eliminare chi liberamente sceglie una certa linea [1], piuttosto che chi si trova, senza averlo voluto, in una data situazione.

Tuttavia va tenuto presente che, in senso vero e proprio il «male assoluto» non può, per definizione, coincidere con una persona umana, o un gruppo di persone o una realtà storica: i quali sono più o meno influenzati dal «male assoluto», ne partecipano, più o meno, senza mai però esserlo. Come diceva S.Agostino nel De civitate Dei il male (umano) affonda le sue radici nell'abisso di iniquità (il mysterium iniquitatis) che ha la sua totale e definitiva cristallizzazione negli angeli ribelli.

Per questo sarebbe ipocrisia dire, come dice una canzone di Chieffo: «non è possibile essere come loro». Più realistico è dire: «non è difficile essere come loro». Anche noi, anch'io, anche tu che leggi, possiamo essere degli aguzzini crudeli. Il male non è solo in alcuni, ma in tutti. ...«e noi tutti lo possiamo fare».

interpretazioni del nazismo

alcune interpretazioni

/

estraneo alla cultura tedesca

  • in questo senso è stata sviluppata la tesi di un nazismo come figlio della democrazia di massa, col suo potere di autonegarsi, perché priva di ogni vincolo assoluto («il popolo può tutto: anche decidere di non voler più decidere», secondo la celebre argomentazione di Carl Schmitt)
  • nel medesimo senso si orienta la tesi che riconduce il nazismo alla psicopatologia di Hitler
Uno dei problemi interpretativi del nazismo riguarda il suo rapporto con la cultura e la storia tedesca. Le tesi sono essenzialmente due, come nello schema seguente:
\

figlio della storia tedesca

  • per il suo spirito di militaristico intruppamento, già iniziato dai re prussiani e proseguito da Bismarck;
  • fenomeno tipicamente tedesco, essendovi nella tradizione della Germania una componente imperialistico-universalista

il nostro parere

Il problema della estraneità o appartenenza del nazismo alla storia e alla cultura tedesca ci sembra un problema mal formulato, e fuorviante. Pur contenendo ognuna una parte di verità, le tesi sommariamente abbozzate qui sopra infatti appaiono riduttive:

  • è riduttivo fare del nazismo la pura costruzione della mente malata di Hitler (resterebbe infatti la domanda perché lo abbia seguito un intero popolo, e non tra i più sottosviluppati, nè da un punto di vista economico, nè da un punto di vista culturale, si pensi alla musica e alla filosofia tedesche);
  • è riduttivo vedere nel nazismo la pura reazione della Germania alla sconfitta della Prima Guerra Mondiale
  • sarebbe riduttivo leggere nell'antisemitismo nazista solo una volontà di accaparramento delle ricchezze economiche degli Ebrei (perché allora sarebbe stata sufficiente la confisca dei loro beni e la loro eventuale espulsione, ma non si spiegherebbe l'Olocausto)

Se tali spiegazioni, analitiche e razionali, appaiono errate, diciamo così, per difetto, insufficiente, in quanto errata «per eccesso», sarebbe una interpretazione del nazismo che lo vedesse come inspiegabile, del tutto imprevedibile e totalmente irrazionale epifania satanica, manifestazione di un satanismo puro, del male assoluto.

figlio della modernità antropocentrica

Il nazismo è piuttosto figlio dell'antropocentrismo moderno, diffuso su scala europea, e ormai planetaria. Non si può spiegare tale fenomeno, in cui indubbiamente sono presenti da un lato una componente irrazionalmente demoniaca e dall'altro delle ragioni analiticamente indagabili (sia culturali sia economico-politiche), se non si tiene presente la parabola della modernità, di cui il nazismo è uno degli esiti. Tale parabola ha affermato prima l'indipendenza del soggetto umano dalla Chiesa (con la Riforma), e da Cristo (con l'Illuminismo), e poi ha preteso di negare Dio come Mistero trascendente e creatore, per fare dell'Uomo una realtà divina. L'Umanità, credendosi Dio, si è così creduta autorizzata a pretendere, ora, «sulla terra», quello che per la fede religiosa cristiana è da aspettare come dono di Dio, nella vita futura, escatologicamente: un mondo di perfezione totale. Ha preteso questo mondo come totalmente costruito dalla conoscenza e dalla potenza umana (ritenute, appunto, divine). frono crematorioDa tale mondo avrebbe dovuto, come nel Paradiso cristiano, essere totalmente estirpato il male, identificato però non più con il peccato, liberamente commesso dalla persona, ma identificato con aspetti parziali (l'ingiustizia economica, per Marx, la decadenza nazionale, per Mussolini, una progettata e rovinosa contaminazione razziale, per Hitler) e attribuito a «nemici» sociologicamente circoscritti in determinati gruppi umani (la borghesia, per Marx, gli ebrei e le élites demo-pluto-massoniche per Hitler).

radice comune al comunismo

Per estirpare il male le ideologie nate dall'antropocentrismo moderno, le ideologie che autodivinizzano l'uomo prevedono, coerentemente ai loro presupposti, l'eliminazione di gruppi umani, ritenuti suoi responsabili. Non c'è dunque differenza qualitativa, da questo punto di vista, tra il marxismo e il nazismo: eliminare i borghesi e gli elementi controrivoluzionari risponde a una logica sostanzialmente identica, e altrettanto disumana, a quella nazista, che pretendeva di creare un mondo nuovo eliminando la fonte prima del male, gli Ebrei. Gli uni e gli altri, volendo creare il Paradiso sulla terra, hanno in realtà manifestato, loro malgrado, il volto dell'Inferno. Rinnegando Cristo, si va contro l'uomo. E tanto più lo si rinnega, tanto più si va contro l'uomo (come dice Ungaretti nella bellissima poesia «Mio fiume anche tu, Tevere»).

Senza questo quadro interpretativo antropocentrico i motivi di risentimento del popolo tedesco non sarebbero confluiti in comportamenti così disumani, ma avrebbero trovato uno sbocco più circoscritto e ragionevole. E d'altro lato senza quel quadro interpretativo la patologia demoniaca di uomo non avrebbe trascinato nel baratro milioni di persone di una delle più progredite e fiorenti nazioni del mondo.

Il modo migliore per impedire il ripetersi di catastrofi simili, o peggiori, è dunque quello di ritornare a una considerazione realistica di ciò che è l'uomo e il suo bisogno di verità totale. E solo nel Cristianesimo si trova una risposta adeguata.

Adolf Hitler

nei diari di Goebbelsletti, in un lager

  • Dai diari di Goebbels, suo abile ministro della propaganda ed amico personale, emerge una figura tutto sommato umana, che sa parlare confidenzialmente con gli amici al caminetto della sua infanzia, dei suoi genitori; che si complimenta con Goebbels quando gli nasce uno figlio; al contempo molto deciso e magnetico;
  • radicalmente avverso al Cristianesimo (corruttore della sana civiltà classica, luminosa e felice, mentre il Cristianesimo avrebbe portato un'aura cupa e triste);
  • ben contento di andarsene a vita privata quando avesse raggiunto il fine di garantire alla Germania il suo Lebensraum;

altre prospettive

Senza alcuna pretesa di completezza si possono ricordare alcuni tratti salienti della personalità di Hitler:

  • una insicurezza psicologica piuttosto accentuata, in un quadro complessivo al limite della patologia;
  • paradossalmente a tale timidezza faceva da contrappeso (per reazione) una forza magnetica dominatrice, da leader;
  • nelle sue scelte si rivelò assolutamente ateo, e, verosimilmente, superstiziosamente succube di pratiche magico-divinatorie: vi fu in lui una componente indubbiamente satanica, particolarmente evidente nella spregiudicatezza con cui ordinò l'Olocausto ebraico e altre disumane crudeltà che colpirono milioni di uomini;
  • tale satanismo, come sempre accade quando l'uomo si abbandona all'Angelo delle Tenebre, lo fece oscillare incredibilmente da momenti di inarrivabilmente lucida abilità, che gli assicurò brillanti successi (la sua ascesa al potere, il folgorante inizio della guerra, allorché la Germania sembrava inarrestabile) a momenti di stolta demenza, anche da un puro punto di vista «tecnico», come la scelta di ordinare la resistenza a oltranza a Stalingrado; abililissimo e stoltissimo: mai padrone di sè (chi vorrà salvare la propria vita la perderà);

differenze rispetto al fascismo

In generale il fascismo fu meno radicale, meno estremista, meno disumano del nazismo

  • una ideologia più radicale: il razzismo biologistico, con il suo conseguente antisemitismo radicale;
  • l'aver creato un totalitarismo compiuto (senza una monarchia al di sopra del Fürer e la Chiesa potente con cui fare i conti)

perché tale differenza?

Si può parlare anzitutto di un «buon senso italiano», che a sua volta è debitore alla Chiesa cattolica, la cui maggior forza inoltre in Italia frenò i possibili sbandamenti più estremisti del Duce.
Anche la forma monarchica pose un freno, costituendo una autorità almeno formalmente superiore a quella del «Duce», e divenendo nel 1943 fattore reale di rovesciamento del regime fascista.

In Italia mancava un sostrato culturale nazionalista e antisemita, quale invece era presente nel mondo tedesco, serpeggiante già in filosofie ottocentesche (Fichte, Hegel ed espresso in modo forte in Nietzsche.

Vi era poi una maggiore motivazione alla rivincita nella Germania sconfitta e umiliata che nell’Italia vittoriosa, perciò in Germania poteva più facilmente attecchire una ideologia che faceva leva sul sentimento di frustrazione e di rancore per il trattamento, percepito come ingiustamente umiliante, inflitto dalle nazioni vincitrici della Prima Guerra Mondiale.

Si può anche considerare il fattore della personalità di Hitler, con la sua insicurezza e il suo sentirsi marginale (in quanto austriaco e non tedesco; un po' come Stalin, georgiano, e Napoleone, corso) mentre la personalità di Mussolini era psicologicamente più sana e più sicura di sé (si può leggere anche in questa prospettiva la sua protezione a Freud, che come ebreo avrebbe dovuto essere perseguitato dai nazisti occupanti l'Austria, mentre appunto grazie all'intervento del Duce in suo favore venne trattato con riguardo).

aspetti cronologici

Si veda la scheda relativa (di taglio didattico-schematico).

il nazismo e la Chiesa

Il Führer è profondamente religioso ma totalmente anticristiano. Considera il cristianesimo un sintomo di decadenza. E' un prodotto della razza ebraica.

Appena Hitler prese il potere la Chiesa accettò di stipulare un Concordato, che si presentava vantaggioso come non mai, pur sapendo che Hitler non era amico del Cristianesimo.

Ma quando il regime manifestò appieno il suo volto feroce la Chiesa, nella sua massima autorità, non esitò a condannarlo con durezza: nella Mit brennender sorge (1937) il Papa affermava solennemente che:

Chi pone in luogo del Dio personale il fato tetro e impersonale, rinnegando la sapienza divina e la propria sopravvivenza (...) non può pretendere di essere annoverato tra i veri credenti.

l'atteggiamento di Pio XII verso il nazismo

l'atteggiamento del nazismo verso il Vaticano

  • il progetto di imprigionare il Papa (due articoli di Tommaso Ricci)
  • si possono vedere in rete i lavori di una ricercatrica ebrea statunitense, Julie Seltzer Mandel, che sotto gli auspici del Rutgers Journal of Law and Religion, edito dalla Facoltà di Giurisprudenza della Rutgers-The State University of New Jersey di Camden, dirige “The Nuremberg Project”, ha cominciato a diffondere online i contenuti più importanti dei 148 volumi di documenti (finora inediti) raccolti negli anni Trenta e Quaranta dall’Oss statunitense, l’antenato della Cia, e custoditi presso la biblioteca della Cornell University School of Law di Ithaca, nello Stato di New York.
    Il primo documento reso pubblico è The Nazi Master Plan: Persecution of the Christian Churches, che dettaglia la lotta hitleriana alle fedi cristiane colpevoli di non avere quattro quarti di nobiltà ariana. Il secondo, redatto dai giurisperiti britannici Claire Hulme e Michael Salter, è The Nazi’s Persecution of Religion as a War Crime.
  • anche Matt Kaufman, lui pure ebreo, su www.boundless.org approva la ricerca della Seltzer, definendo i contenuti dell’archivio Oss «una tonnellata di prove sul fatto che Hitler cercò di cancellare il cristianesimo esattamente come cercò di cancellare gli ebrei».

note

1. Anche se va detto che Stalin era giunto al punto da eliminare fisicamente anche senza una precisa ragione, mandando a morte persino suoi parenti stretti e collaboratori politici, rivoluzionari della prima ora. Si veda E.Corti, Processo e morte di Stalin, ed ARES [torna su].

testi

sul nazismo

testi d'epoca

Per visualizzare questo contenuto devi accettare la nostra cookie policy.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: Facebook Blogger Youtube Twitter

sostienici


Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.