Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.
../img/mosaic.jpg

l'antichità

L'antichità: è l'età dell'attesa (nei suoi aspetti ed esponenti più nobili), o (per altri aspetti e in altre personalità) di un accartocciamento furioso e disperato per l'impossibile compimento di tale attesa.

Ci spieghiamo: l'uomo è fatto per una felicità piena e infinita, e solo in Dio, come Mistero vivente e personale di amore trinitario, tale attesa trova risposta adeguata. Perciò prima del Cristianesimo l'attesa restava tale.

Senza risposta.

Eppure l'umanità classica ha almeno in parte vissuto tale attesa con elementi di dignità, in cui peraltro traspare un velo di tristezza inconsolata per un vuoto profondo. Esemplifichiamo con dei rapidi accenni.

Pensiamo ad esempio a certi volti della pittura romana: la loro dignità si accompagna all'impossibilità di trovare uno sguardo ri-conoscente, uno sguardo che profondamente ricomprenda la più intima essenza dell'uomo. Tale sguardo non è ancora stato rivelato, e lo sguardo dell'uomo spazia e si perde in una indefinita vacuità. Non incontra un Tu, capace di capirlo e di amarlo.

Pensiamo all'ampiezza delle stanze di molte ville romane: tale spazio ampio, esageratamente ampio, ci sembra espressione e conferma di quello che dicevamo poco sopra, che l'umanità classica non aveva un Tu come riferimento, e perciò cercava in uno spazio indefinito quello che non sapeva essere a sé prossimo ("intimior intimo meo", S.Agostino: più vicino a me di me stesso).

erasthes e philoumenos in una scena di banchetto antico

L'umanità classica è perciò percorsa da turbamento e inquietudine. Quando è sincera lo sa riconoscere con accenti toccanti:

Curae mea gaudia turbant
cura dapes sequitur, magis inter pocula surgit,
et gravis anxietas laetis incumbere gaudet.

E un grande poeta greco, Asclepiade, riconosceva

Ma via beviamo, disperato amante
tra non molto la nostra lunga notte dormiremo

Come diceva del resto Flaubert «La malinconia antica mi sembra più profonda di quella dei moderni» (Lettera a m.me Roger des Genettes)

Così, non trovando risposta a una domanda che comunque restava attiva e potente nel suo cuore, perché da esso strutturalmente inestirpabile, l'umanità si dava ad atteggiamenti distruttivi e disperati.

L'età antica è quella che vide una dissoluzione morale tra le più spudorate che la storia ricordi: si veda il Satyricon di Petronio, o si vedano certe pitture pompeiane.

Un'umanità felice e realizzata avrebbe goduto alla vista del sangue, come nelle arene, per combattimenti dei gladiatori e l'uccisione, crudele e feroce, dei cristiani? Avrebbe concepito il momento del pasto come occasione di uno pseudopiacere disperatamente triviale (pensiamo alla pratica di procurare il vomito di quanto appena mangiato, per fare spazio a nuovo cibo)?

È perciò ingenuo e irrealistico veder nell'antichità un'età di realizzazione dell'umano, rispetto a cui il Medioevo sarebbe stato un tradimento e una regressione. È vero invece che con l'avvento del Cristianesimo il livello di civiltà aumentò in maniera qualitativamente impareggiata.

solidarietà ai cristiani perseguitati

Asia Bibi, una donna pakistana, rischia la condanna a morte per non essersi convertita all'Islam:
informazioni su Asia News.

Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.

f Condividi

Per condividere su Facebook questa pagina puoi copiarne l'indirizzo dalla barra degli indirizzi (la trovi in alto) e incollarlo sulla tua pagina facebook. In questo modo evitiamo di installare cookies sul tuo dispositivo, venendo incontro alle disposizioni legislative di recente introdotte.

seguici: f Blogger You Tube t

sostienici



Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons:
Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
.

Gruppo Cultura nuova:
cultura nuova - cultura cristiana - filosofico.org - cara Belta' - eTexts - mydigitalia - mondo oggi

w3c XHTML | w3c CSS | cookies | privacy.

è natale Buon Natale e buon anno! è natale
Per visualizzare questo contenuto devi accettare di utilizzare i cookie.